Convocazioni Accademiche  

Scambio, informazione e sensibilizzazione: l’impegno dell’AEREC per l’Italia e per il mondo

Sala delle Colonne del Palazzo Marini della Camera dei Deputati
- 30 novembre 2007

Poche settimane prima della data fissata al 30 novembre per la tradizionale Convocazione Accademica invernale a Roma, l’annuncio di uno sciopero nazionale dei trasporti che rischiava di compromettere fortemente il successo della iniziativa. Ma non lo svolgimento, perché la lunga e complessa fase organizzativa dell’evento non ammetteva rinvii.
E invece, la partecipazione di accademici ed ospiti provenienti da ogni parte d’Italia e in qualche caso anche dall’estero, ha superato la più ottimistica delle previsioni della vigilia.........................................................................................
Una circostanza che il presidente dell’AEREC, il Dott. Ernesto Carpintieri, non ha potuto fare a meno di sottolineare con emozione e più volte nell’arco della giornata, dall’inizio dei lavori del convegno organizzato alla Camera dei Deputati (il cui ampio resoconto si può leggere nella sezione del giornale riservata a Missione Futuro ONG) fino al termine del gala dinner di Palazzo Brancaccio, perché ciò rappresentava chiaramente il segno di un affetto e di un attaccamento all’Accademia da parte dei suoi sostenitori che ha saputo sfidare e vincere una situazione davvero difficile sul piano della mobilità.

Era totalmente piena in ogni ordine di posto la Sala delle Colonne del Palazzo Marini della Camera dei Deputati, con qualche ospite che – anche a causa della massiccia presenza di giornalisti a documentare l’evento – ha dovuto seguire in piedi il convegno “Le donne d’Africa. Le imprese per il riscatto sociale” promosso dall’AEREC insieme a Missione Futuro ONG e alla fondazione I Sud del Mondo Onlus e la cerimonia di conferimento del titolo di Accademico AEREC, conclusasi con l’assegnazione del titolo di ConsiglieFrancesco Petrino. In entrambe le circostanze e ad introdurre i vari riconoscimenti previsti dalla convocazione, nel ruolo di cerimoniere, a lui non nuovo, c’era l’accademico, Avvocato Flaminio Valseriati.

A Palazzo Brancaccio, al tavolo presidenziale della convocazione, erano seduti la Principessa Josephine Borghese, il Prof. Giulio Tarro, Mons. Vittorio Formenti, l’On. Carolina Lussana, l’On. Giuseppe Galati, il Dott. Francesco Montera e signora, il giornalista Michele Santoro e Signora, la Presidente di Missione Futuro ONG Carmen Seidel, la Dott.ssa Patrizia Marin del board dell’Accademia, il giornalista del Corriere della Sera Michele Manno, il Maestro Amedeo Minghi, il giudice Antonio Marini e Signora, la giornalista Tiziana Ferrario, il Maestro Alfio Mongelli e, naturalmente, il Presidente Ernesto Carpintieri che nel salutare gli ospiti presenti, ha voluto rivolgere un saluto anche ad altre illustri personalità, la Prof.ssa. Maria Rita Gismondo, l’On. Renzo Lusetti e la giornalista Vira Carbone.

Sempre in apertura della serata, il presidente ha voluto rivolgere un commosso saluto anche ad un accademico che avrebbe partecipato senz’altro con entusiasmo all’appuntamento se non fosse venuto improvvisamente a mancare poche settimane prima del suo svolgimento: si tratta dell’accademico Fabrizio Di Stasio, scomparso a soli 36 anni, un giovane e bravo legale e manager nel campo sanitario che aveva compiuto il suo ingresso in Accademia appena sei mesi prima, nel corso dell’Academy Day del 1 giugno scorso. Già presentati durante la prima parte della Convocazione Accademica a Palazzo Marini, con la lettura delle citation e la consegna dei diplomi e dei distintivi, i nuovi accademici sono stati nuovamente protagonisti a Palazzo Brancaccio, chiamati a ritirare il Collare Accademico e a raccogliere un altro applauso dal pubblico.

Il cerimoniere Valseriati ha quindi introdotto i riconoscimenti speciali della Convocazione Accademica. Il primo dei quali è stato conferito al giudice Antonio Marini, accolto in qualità di Membro Onorario del Senato Accademico AEREC in virtù di una intera vita dedicata al servizio della comunità. L’unico Premio Internazionale Donna di Successo previsto nella circostanza è stato invece attribuito a Tania Cammarota, a riconoscimento di una brillante carriera di organizzatrice di convegni e congressi nazionali, di saggista ed operatrice culturale ma anche promotrice di una meritoria iniziativa benefica che ha già avuto una vasta eco sulla stampa nazionale ed internazionale, il Calendario delle Parlamentari 2008 “Signora Politica”.

Nel ritirare il premio dalle mani di Carmen Seidel e Patrizia Marin, la Signora Cammarota, che ha voluto accanto a se l’On. Carolina Lussana per l’importante contributo offerto nella realizzazione del calendario nel quale è anch’essa ritratta insieme ad altre 51 parlamentari rappresentanti di tutti gli schieramenti politici, ha sottolineato come la sua iniziativa è nata per “lanciare un segnale sul ruolo decisivo svolto dalle donne nella politica italiana, quanto più significativo nell’anno mondiale delle Pari Opportunità.”

Il riconoscimento successivo è stato il “Premio alla Carriera AEREC per il Giornalismo”, che in passato è stato conferito a personalità di spicco quali: Aldo Forbice, Franco Di Mare, Rosanna Lambertucci, Anna La Rosa, Roberto Napoletano, Andrea Pezzi, Daniela Rosati, Carlo Sartori. Due i protagonisti del premio, entrambi molto popolari presso il pubblico televisivo: la conduttrice ed inviata speciale del TG1 Tiziana Ferrario ed il popolare conduttore di “Anno zero”, oltre che di tante trasmissioni che hanno fatto la storia recente della televisione italiana Michele Santoro. Introdottasantoro dalla familiare sigla del più seguito telegiornale italiano, Tiziana Ferrario al termine della lettura della citation che ha accompagnato la consegna del premio, ha ammesso di provare un certo effetto nel vedere riconosciuta una carriera che pur già molto ricca di lavoro e di soddisfazioni “mi porrà davanti ancora molti ostacoli da superare e tante sfide da vincere. Tanto più perché io faccio un mestiere nel quale non si finisce mai di imparare e che io affronto ogni giorno con la stessa passione con la quale l’ho iniziata, quasi per gioco, da ragazza”. L’emozione e la gratitudine per il suo riconoscimento, conferitogli dal Segretario di Presidenza della Camera dei Deputati l’On. Giuseppe Galati, Michele Santoro ha voluto stemperarli con una simpatica battuta, evidenziando come nella sua ‘citation’, insieme al lungo elenco dei suoi crediti nell’ambito giornalistico, mancasse una citazione dell’unico “Telegatto” conquistato con una sua trasmissione, “il ricordo di una stagione straordinaria, di simpatia e di amicizia, tra me e Silvio Berlusconi”.

L’emozione suscitata in passato dal conferimento del Premio AEREC alla Carriera per la Musica a grandi artisti del calibro di Ennio Morricone, Detto Mariano e Fred Buongusto, si è rinnovato a Palazzo Brancaccio con la presenza del Maestro Amedeo Minghi che, accolto con una vera ovazione dal pubblico, si è anche generosamente lasciato andare a cantare su una delle sue più note ed amate melodie, prima di ritirare il premio dalle mani di Carmen Seidel. Nell’occasione, l’artista ha annunciato che il 2 febbraio prossimo terrà un concerto speciale a Roma, nello splendido Auditorium di Via della Conciliazione, accompagnato dall’orchestra La Sinfonietta e con vari ospiti sul palco, per concludere le celebrazioni del quarantennale della sua carriera iniziata con la pubblicazione di un triplo CD antologico e dalla pubblicazione dell’autobiografia “L’ascolteranno gli americani”.

Il successivo Premio alla Carriera è stato assegnato per la prima volta dall’AEREC per meriti legati all’arte. La scelta dell’Accademia è caduta quest’anno su Alfio Mongelli, artista tra i più significativi che annoveri il panorama dell’arte contemporanea e Presidente e Direttore artistico della Libera Accademia di Belle Arti di Roma. Anche il Maestro Mongelli ha voluto condividere con il pubblico della serata una circostanza molto importante nella sua lunga e prestigiosa carriera ovvero, unico italiano partecipante tra 20 artisti di fama internazionale, la realizzazione di una scultura di grandi dimensioni che troverà posto all’ingresso della piscina olimpionica che ospiterà le gare di nuoto, in occasione delle prossime Olimpiadi del 2008 a Pechino L’ultimo riconoscimento alla carriera della serata, nella speciale sezione denominata Manager 2007, è stato conferito al Presidente e Direttore Generale della Merz Italia, il Dott. Paolo Zambonardi, il quale visibilmente emozionato, nel suo discorso di ringraziamento ha osservato quanto il premio rivestisse per lui una grande importanza “sia perché viene riconosciuto il mio operato, sia perché viene premiato con me anche un settore, quello farmaceutico, che è strategico nel nostro Paese”.

Conclusa anche la Cerimonia di consegna dei Premi alla Carriera, il Presidente Carpintieri ha voluto presentare e ringraziare pubblicamente alcuni personaggi che, in diverse occasioni, hanno offerto un importante sostegno all’Accademia, facendosi anche promotori di iniziative personali.
A partire dal Prof. Catello Marra, Governatore dell’International Organization for Diplomatic Relations, una organizzazione benefica, con sede a Malta, che promuove iniziative umanitarie in varie parti del mondo e che sensibilizza l’opinione pubblica, attraverso seminari e convegni, su temi scottanti come la violenza sui minori, il bioterrorismo o la pena di morte. In virtù dei suoi meriti diplomatici, il Prof. Marra ha ricevuto dalla Commissione Affari Internazionali dell’AEREC, l’incarico speciale di Delegato per l’Isola di Malta. Dopo aver ringraziato anche l’accademica Antonina Bruni per l’impegno profuso nei progetti umanitari dell’AEREC in Camerun, il Presidente Carpintieri ha chiamato accanto a se il delegato per la Puglia dell’Accademia, il Dott. Vito Chirenti insieme alla delegata per la Romania, la Dottoressa Erika Benedek.
La presenza della Benedek ha offerto al presidente l’occasione per ricordare il suo prezioso supporto offerto in occasione del recente convegno organizzato dall’Accademia cofinanziato dalla Commissione Europea ed in collaborazione con l’ Università di Siena, l’Università La Tuscia di Viterbo e l’Università di Scienze Agricole e Medicina Veterinaria di Cluj-Napoca, che ha ospitato la conferenza nella sua splendida Aula Magna. Il Dott. Chirenti ha voluto presentare agli Accademici la sua attività nel campo dei prefabbricati ecocompatibili, ponendo l’accento sulla necessità dell’industria italiana di aprirsi sempre di più ai temi dell’ecologia e della compatibilità ambientale. Al termine del suo breve intervento, il Dott. Chirenti ha inoltre annunciato al presidente Carpintieri e alla presidente Seidel, la sua intenzione di donare uno dei suoi prefabbricati al presidio sanitario di Songon, voluto e realizzato da AEREC insieme a Missione Futuro ONG.

L’ultimo atto ufficiale della splendida Convocazione Accademica, è stato l’annuncio del Presidente Carpintieri che il tradizionale Academy Day, che per il 2008 è previsto nella data del 20 giugno, si svolgerà eccezionalmente non a Roma, ma nella esclusiva cornice del Lido di Venezia, in concomitanza con un Concorso Ippico Internazionale promosso dall’accademico Dottor Tommaso Napolione, Presidente del Distretto AEREC del Friuli, che è intervenuto alla Convocazione in compagnia dell’Assessore al Turismo della Provincia di Udine Fabio Marchetti. Napolione ha spiegato come il Concorso da lui promosso, unitamente all’Academy Day, sono parte di un progetto di rilancio del Lido di Venezia che dovrebbe riportarlo allo splendore degli anni passati.
L’Assessore Marchetti, da parte sua, ha annunciato ai presenti lo sforzo suo e dell’amministrazione della provincia di Udine per sviluppare un nuovo modo di promuovere il turismo “in una regione piccola come la nostra che forse è maggiormente conosciuta per qualche prodotto enogastronomico ma che invece possiede della bellissime realtà culturali ed architettoniche degne di essere scoperte. Doverosa la citazione, da parte del Presidente, di tutti quegli accademici che hanno affrontato e superato le oggettive difficoltà imposte dallo sciopero nazionale dei trasporti per non far mancare la loro presenza all’appuntamento del 30 novembre:
Giovanni Ambrosino, Pasquale Ascione, Giannantonio Bresciani, Francesco Calabrese, Francesco Caputo, Gianfranco Coccia, Fernando Colazzo, Pietro Coticoni, Francesco Cudia, Stefano De Francesco, Alessandro Fortunati, Enrico Lepri, Bruno Magliocchetti, Catterina Manassero, Patrizia Marin (alla quale il presidente ha voluto dedicare uno speciale ringraziamento per la collaborazione alla riuscita del convegno della mattina, insieme allo staff dell’AEREC), Andrea Perron-Cabus, Amedeo Portacci, Salvatore Rondello, Vincenzo Scarabeo, Giuseppe Scillitani, Michele Sica, Antonio Sigona, Vincenzo Tagliaboschi, Roberto Tassinari del direttivo AEREC.

La cena di gala è stata infine allietata dalle esibizioni degli artisti Anna Vinci, Robert Steiner (intervenuto alla vigilia del trionfale debutto del suo musical in scena al Teatro Brancaccio di Roma, “Il Conte di Montecristo”), Ruggero Artale con la sua Afro Percussion Band e Fabio Abbate con un fuori programma d’eccezione: la prova canora di un neo-accademico, l’egiziano El-Lakany Amre che si è lanciato in una tanto sorprendente quanto ossequiosa imitazione di Louis Armstrong sulle immortali note di “What a Wonderful World.


Alberto M. Castagna




00199 Roma - Italia - Via Sebino, 11

Tel.: + 39 06 85 53 849

E-Mail: info@aerec.org