Convocazioni Accademiche  

L’Academy Day 2008 a Venezia nel nome del Made in Italy
L’ANNUALE MANIFESTAZIONE DELL’AEREC SI È SVOLTA NELLA CITTÀ LAGUNARE
21 giugno 2008

Academy Day 2008
Per la prima volta l’Academy Day, l’appuntamento che ogni anno l’Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali organizza per i suoi membri, si è svolta non a Roma, sede di tutte le sue edizioni fino al 2007, ma a Venezia.
La scelta della città lagunare è stata motivata dal Presidente Ernesto Carpintieri in omaggio ad “un ambiente coeso, eccezionale, che ben rappresenta tutta l’economia del Triveneto” ma anche per amore di una città conosciuta ed invidiata in tutto il mondo, simbolo di un’Italia che esporta le sue eccellenze ovunque, attraverso un Made in Italy nel cui segno si è svolta l’intera iniziativa.
Un amore, quello dell’AEREC per Venezia, che la città ha voluto contraccambiare. A partire dal suo più alto rappresentante a livello istituzionale, il Sindaco Massimo Cacciari, che nella mattina del 21 giugno, data dell’Academy Day, ha ricevuto nel suo studio nel Palazzo del Comune, una rappresentanza dell’Accademia guidata dal suo Presidente e dalla Presidente di Missione Futuro Ong Carmen Seidel.

Al Primo Cittadino è stata conferita la massima onorificenza dell’organizzazione, la carica di “Membro Onorario del Senato Accademico”. Altre, significative, dimostrazioni della riconoscenza della città nei confronti della scelta dell’AEREC sono state manifestate attraverso la concessione del prestigioso Ateneo Veneto di Arti, Scienze e Lettere, messo a disposizione dal Presidente Prof. Antonio Alberto Semi, per il Convegno promosso dall’Accademia e per la Convocazione Accademica e del Casinò di Venezia, grazie al suo Presidente Prof. Mario Pizzigati, concesso per la Cena di Gala, che ha concluso una giornata ricca di emozioni.


Al termine del convegno svoltosi nel pomeriggio del 21 (ampiamente documentato in altra parte del giornale), un’altra importante attestazione di stima per l’Accademia è arrivata dal Dott. Franco Fontana, AmministratorPlateae Delegato del Gazzettino di Venezia, il più importante e diffuso quotidiano della città lagunare, il quale è intervenuto alla riunione dell’Ateneo per confermare che la scelta di portare l’AEREC a Venezia “è una scelta non priva di significato poiché la stessa storia di Venezia simboleggia i principi fondanti dell’AEREC in termini di apertura all’internazionalità, in termini di imprenditorialità e in termini di solidarietà.” Presentata con il consueto garbo e verve dall’Accademico Avv. Flaminio Valseriati, la Convocazione Accademica dell’AEREC si è aperta con una prolusione del Presidente che nel salutare i nuovi membri del consesso, che da qui a poco avrebbero avuto l’investitura ufficiale di Accademici, ha osservato come la maggior parte di loro annoverino nel loro excursus personale e professionale un impegno pluriennale e fattivo nell’ambito sociale.
Impegno puntualmente segnalato anche nelle ‘citations’, la cui lettura ha accompagnato il conferimento del titolo di Accademico, unitamente alla consegna del diploma e delle insegne, secondo un Cerimoniale che si ripete ormai da molti anni ma che dispensa ancora profonde emozioni sia in coloro che compiono il loro ingresso nell’AEREC diventando così, come ha ricordato il Presidente “parte integrante del tessuto dell’Accademia” che nei numerosi testimoni, tra i quali si annoverano Accademici provenienti da ogni parte d’Italia che per un paio di giorni sottraggono tempo alle loro attività professionali e private per manifestare il loro attaccamento all’organizzazione.
Il successo dell’iniziativa veneziana, tuttavia, è anche in gran parte legato al fattivo impegno profuso da tre Accademici. Si tratta di Gianfranco Coccia, Giannantonio Bresciani e Luigi Rollo, ciascuno dei quali è da qualche tempo informalmente responsabile di un Distretto ma che in questa occasione hanno visto l’ufficializzazione dei loro incarichi: Gianfranco Coccia Presidente del Distretto del Veneto, Giannantonio Bresciani Presidente del Distretto di Verona e Luigi Rollo Presidente del Distretto di Treviso.

 

Conclusa la prima parte ufficiale della Convocazione Accademica, il Presidente Carpintieri ha voluto, come consuetudine, informare i presenti sulla meritoria attività del ‘braccio umanitario’ dell’AEREC, Missione Futuro ONG, presieduta da Carmen Seidel, molto applaudita al termine della presentazione.

Con l’ausilio di alcune diapositive, il Presidente ha illustrato lo stato dei progetti in corso della organizzazione umanitaria, in massima parte sostenuti con le donazioni degli stessi Accademici. Dal presidio sanitario a Songon, in Costa d’Avorio, ormai prossimo all’inaugurazione al termine di una lunga serie di rinvii dovuti alla situazione instabile nel paese africano alla cooperativa delle donne in costituzione nella stessa località fino al finanziamento di un orfanotrofio in Cameroun. Prima di lasciare l’Ateneo Veneto di Arti, Scienze e Lettere, si sono avvicendati gli interventi di alcuni tra gli Accademici più partecipi delle iniziative promosse in vari settori dall’AEREC.

Il Consigliere Diplomatico AEREC, Prof. Francesco Petrino, ha voluto ribadire come l’Accademia non sia soltanto una lobby di professionisti e di imprese, ma abbia finalità derivate da una particolare sensibilità verso il sociale. “Nell’ambito di tali finalità, insieme ad alcuni componenti dell’AEREC abbiamo recentemente costituito il Movimento dei Pensionati Cattolici. Quella dei pensionati in Italia è una vera e propria emergenza: abbiamo nel nostro Paese 14 milioni e mezzo di pensionati di cui almeno 9 milioni sono costretti a vivere con pensioni che vanno da 300 a 650 euro. La nostra azione è quindi finalizzata a combattere questa ingiustizia sociale attraverso la promozione di attività legislative e iniziative di varia natura. Un programma, il nostro, serio, fondato e desideroso di migliorare le condizioni dei meno abbienti.”

 

Il Dott. Roberto Tassinari, Ambasciatore AEREC per il Sudan, si occupa di relazioni internazionali e ha illustrato il lavoro da lui svolto negli ultimi mesi. “L’AEREC è da tempo impegnata nel campo delle internazionalizzazioni che è cosa diversa da esportare prodotti dal nostro paese verso altri. Nel gennaio scorso, in Cameroun, abbiamo avuto alcuni incontri governativi prendendo nota di quelle che erano le loro necessità, abbiamo quindi individuato un’impresa che ha manifestato interesse ad investire in Cameroun, dove abbiamo costituito una società locale, d’accordo con il Ministero competente che ci ha indicato le modalità per l’ottenimento delle licenze, ed ora siamo in fase di decollo. Questo è un esempio pratico di ciò che sappiamo e dobbiamo fare.”

Nei paesi emergenti, oltre ai progetti umanitari, ci sono da realizzare tutta una serie di interventi, che una volta erano appannaggio dell’Italia, attinenti alle infrastrutture, alle ferrovie, alle strade, alle telecomunicazioni, all’arredo urbano e così via e che oggi vengono realizzati dai portoghesi, dai bulgari, dai rumeni, dagli spagnoli, da tutti, fuorché dagli italiani. E dire che c’è tanto da fare nei paesi in via di sviluppo, e non solo nella fase progettuale e realizzativa ma anche nella formazione, ad esempio nel campo delle telecomunicazioni, per citare un settore nel quale sono personalmente impegnato.

È facilmente prevedibile, inoltre, che se una società riesce a far bene certe cose, riuscirà ad allargare la sua operatività ad altri paesi.”

 

Restando nell’ambito degli scopi dell’AEREC in campo economico e commerciale, il Presidente del Distretto AEREC del Friuli Dott. Tommaso Napolione ha presentato agli Accademici una iniziativa che aveva avuto il suo battesimo ufficiale alla Convocazione Accademica svoltasi il 29 marzo scorso nella Villa Ca’ Marcello a Levada di Piombino Dese, in provincia di Padova.

“È in programma la costituzione” – ha annunciato Napoleone, “di una società di capitali che saprà rappresentare al meglio i servizi nei confronti degli Accademici e delle loro attività. L’AEREC Business Corporation, questo il nome della società, avrà sede legale a Roma, con l’AEREC come socio di riferimento, e partirà con un capitale di base cheresterà aperto per un anno per consentire agli Accademici interessati di entrare a farne parte.”

 

Quindi la Convocazione Accademica è proseguita nello splendido Salone delle Feste del Casinò di Venezia, con il conferimento del ”Premio Internazionale Donna di Successo AEREC”, un prestigioso riconoscimento che AEREC ha istituito da alcuni anni per mettere in luce quelle professionalità che assumono valore emblematico in quanto rappresentano il rafforzamento del ruolo della donna nel tessuto economico e sociale internazionale.

Il riconoscimento è andato alla D.ssa Caterina Della Torre, Imprenditrice e Presidente per il Friuli Venezia Giulia dell’AIDDA, Associazione Imprenditrici Donne e Dirigenti d’Azienda, alla D.ssa Mara Borriero, imprenditrice e Presidente Aidda per il Veneto e il Trentino Alto Adige, alla D.ssa Anna Maria Cova, titolare dello Studio Pilates Srl e all’Avv. Tiziana Volpes, Amministratore Unico della Società Milano Centro Srl, del Gruppo Volpes Case, nonché Amministratore della società Volpes Franchising.

 

L’altro prestigioso riconoscimento assegnato nel corso dell’Academy Day è stato il “Premio Internazionale alla Carriera AEREC” con il quale l’Accademia rende omaggio a illustri personaggi del mondo del giornalismo, della musica, dell’informazione, del cinema e della cultura. Il prestigioso riconoscimento premia i risultati conseguiti nell’arco della carriera, affermando nel contempo l’eccellenza raggiunta in campi strategici del panorama culturale ed imprenditoriale italiano e internazionale.

Gianfranco D'AngeloIl Premio alla Carriera per il Teatro è stato assegnato all’attore Gianfranco D’Angelo, il quale ha voluto fare regalo ai presenti di un bellissimo monologo, applauditissimo dalla platea. Grande entusiasmo ha suscitato anche l’annuncio del premio, assegnato per la sua Carriera in campo musicale a Little Tony. Little TOnyIl cantante di “Cuore matto” e “Riderà”, che annovera in mezzo secolo di attività ben 20 milioni di dischi venduti, 10 partecipazioni al Festival di Sanremo e 15 film interpretati, ha voluto anch’egli fare omaggio della sua arte, coinvolgendo il pubblico nel cantare insieme a lui alcuni dei suoi intramontabili successi. Il conferimento del Premio alla Carriera per la Managerialità al Prof. Mauro Pizzigati, ha offerto l’occasione al Presidente del Casinò di Venezia di poter esprimere la sua soddisfazione di padrone di casa:
“Sono estremamente lieto che il Casino di Venezia abbia potuto ospitare questa manifestazione importante, per il suo carattere di internazionalità e perché l’AEREC è un’associazione che certamente dà rilievo all’eccellenza nel campo della cultura, dell’arte, dell’economia e dell’impresa. Di solito l’Accademia si riunisce a giugno a Roma e mi sembra che siano tutti contenti dell’eccezione; in effetti Venezia è una cornice degna dell’importanza della manifestazione. In particolare qui al Casinò di Venezia siamo in un ambito dove si respira un’aria storica, è il palazzo locale più importante sotto il profilo artistico nel passaggio dal gotico veneziano al Rinascimento.

Qui ha abitato tra l’altro Richard Wagner che è addirittura morto in queste sale che ospitano oggi un museo a lui dedicato. Io credo che anche il carattere aulico di queste sale abbia contribuito a rendere solenne e anche – perché no? – gioiosa questa manifestazione. Da tempo ormai abbiamo aperto il palazzo a manifestazioni diverse da quelle che costituiscono il nostro core-business cioè l’attività da gioco e certamente anche questa è un’occasione in cui abbiamo unito felicemente la filosofia del casinò alla cultura.”

 

Il Premio AEREC alla Carriera per l’imprenditorialità è stato quindi conferito al Dott. Mauro Moretti Polegato, Presidente di Geox, assente perché impegnato per lavoro all’estero, ma rappresentato dal figlio Enrico, Vice Presidente della società e alla D.ssa Maria Luisa Bano Roncato, Amministratore Delegato di Roncato Ciak, concludendo così la parte ufficiale della Convocazione Accademica.

L’Academy Day ha riservato però altri bei momenti agli Accademici e ai loro ospiti, con le esibizioni della cantante Anna Vinci e del pianista Francesco Carraro, prima del congedo del Presidente che ha dato a tutti appuntamento a Roma, per la riunione conviviale di fine anno.

NonAnna VInci senza ringraziare gli Accademici che da ogni parte d’Italia non hanno voluto fare mancare la loro presenza allo straordinario Academy Day 2008, ovvero Rosanna Acunzo Papetti, Pasquale Ascione, Michele Bajetti, Germano Benincaso, Giannantonio Bresciani, Francesco Calabrese, Francesco A. Caputo, Pietro Casamassima, Federico Casetta, Lidia Cardinale, Cosimo Chechile, Gianfranco Coccia, Francesco Cudìa, Giovanni Fellin, Agostino Ferro, Mons. Vittorio Formenti, Alessandro Fortunati, Monica Introna, Massimo Invernizio, Cristiano Lava, Luigi Ledda, Bruno Magliocchetti, Annamaria Mandara, Patrizia Marin, Catello Marra, Giuseppe Mattiazzo, Gerardo Molendini, Ciro Monetta, Massimiliano Mungo, Tommaso Napolione, Massimo Navach, Stefano Guido Peola, Andrea Perron-Cabus, Francesco Petrino, Luigi Rollo, Fabio Rossello, Franca Rossi, Gianmauro Shermann Nigretti, Michele Sica, Umberto Stranieri, Vincenzo Tagliaboschi, Aldo Taietti, Roberto Tassinari, Flaminio Valseriati e Paolo Zambonardi.

 

Patrizia Tonin


00199 Roma - Italia - Via Sebino, 11

Tel.: +39 06 85 55 975

E-Mail: info@aerec.org