RAFFAELLA CARRÁ

Premio AEREC alla Carriera per lo spettacolo

I nomi di coloro che hanno veramente fatto la storia della televisione italiana si possono contare sulle dita delle mani. Ma se dovessimo contare coloro che hanno rappresentato lo spettacolo italiano nel mondo ai massimi livelli, conquistando la stessa popolarità e l’affetto del pubblico conquistati in patria, allora il nome non può essere che uno e uno solo: quello di Raffaella Carrà. Una carriera internazionale, la sua, che sembrava già scritta dagli esordi: nata come Raffaella Maria Roberta Pelloni a Bologna, a soli 8 anni si trasferiva a Roma per studiare danza e debuttava come attrice cinematografica appena diciottenne. Nel 1960 si diplomava al Centro Sperimentale di Cinematografica e successivamente appariva in diversi film tra cui “Il colonnello von Ryan” accanto a nientemeno che Frank Sinatra. Avrebbe potuto diventare una grande star del cinema se il pubblico televisivo non l’avesse adottata da subito come sua beniamina, nella figura di showgirl moderna e a tutto tondo che ha imposto con bravura e personalità e che ha poi fatto scuola non solo in Italia. Dalla fine degli anni ’60, Raffaella Carrà è stata, ed è tutt’oggi, la regina della televisione italiana, autrice e conduttrice di alcuni dei programmi più amati e seguiti della storia, ha lanciato mode, modi e stili, ha messo d’accordo il pubblico più popolare e quello più sofisticato, ha stabilito record destinati ad essere insuperati e insuperabili. All’inizio degli anni Settanta, il successo discografico già dirompente in Italia a fianco di quello televisivo si allarga fino alla Spagna, dove la popolarità delle sue canzoni – è stata la prima a far conoscere la canzone italiana all’estero aprendo la strada ai vari Eros Ramazzotti, Laura Pausini e Tiziano Ferro - spinge la tv di Stato ad offrirle una trasmissione tutta sua, “La hora de Raffaella”. Al successo in Spagna si affianca ben presto quello in America Latina mentre le richieste all’estero, anche come cantante ed attrice, la tengono lontana per qualche anno dal nostro paese. Quando tornerà a lavorarvi è l’ennesimo trionfo, segnato in particolare da una trasmissione, “Pronto Raffaella?” con la quale ha letteralmente inventato la fascia mattutina televisiva. Grazie a tale trasmissione, seguita al solito da milioni di telespettatori, nel 1984 Raffaella Carrà ha vinto nel 1984 il titolo di Personaggio televisivo femminile a livello europeo dello European TV Magazines Association. Da “Buonasera Raffaella” a “Domenica In” fino a “Carramba che sorpresa”, con qualche interruzione dovuta a numerosi impegni internazionali, Raffaella Carrà ha proseguito fino ad oggi a mantenere intatta la sua popolarità, rinnovandola anche nelle nuove generazioni che conoscono a memoria le sue canzoni e anche i suoi celebri balletti, più volte pubblicati in CD e Dvd.